News
Now Reading
Trading bitcoin: come farlo in sicurezza
0

Trading bitcoin: come farlo in sicurezza

da Marco2018/08/28

Il caso Mt.Gox, anni fa ha scosso il mondo finanziario legato alle criptovalute. Da allora ne è passata parecchia di acqua sotto i ponti, ma chi è rimasto scottato da quell’esperienza, guarda ora con assoluta prudenza ai bitcoin. In linea generale, investire in quella che è considerata la moneta del futuro non è operazione semplice.

Per questo occorre seguire procedure mirate a tutela del proprio patrimonio, cercando di fare attenzione alle trappole che la rete propone.

 La truffa Mt.Gox

Per capire il presente bisogna partire sempre dal passato. Spieghiamo quindi in cosa consistette lo scandalo Mt.Gox. La società fu attiva dal luglio 2010 fino ad aprile 2014. Nell’ultimo anno della sua gestione arrivò a gestire oltre il 70% di tutte le transazioni bitcoin nel mondo. I problemi iniziarono a febbraio 2014, quando l’azienda sospese le transazioni, chiudendo il sito e dichiarando bancarotta.

Due mesi dopo iniziarono le procedure di liquidazione. Secondo quanto fu dichiarato dalla stessa Mt.Gox, sparirono circa 850.000 bitcoin per un valore complessivo di 450 milioni di dollari. Duecentomila vennero in seguito ritrovati, ma non si seppe mai che fine fecero gli altri. Nuove prove presentate ad aprile 2015 dalla società di sicurezza informatica giapponese WizSec hanno portato a concludere che siano stati “per lo più rubati nel tempo a partire dal tardo 2011“.

Lo scandalo Mt.Gox ha portato la SEC americana e altre autorità nazionali ed internazionali a porre un freno alle truffe perpetrate dai crypto exchange.

Broker regolamentati

In seguito al caso Mt.Gox si sono sviluppati molti siti di broker regolamentati dove è possibile comprare bitcoin in tutta sicurezza. Questi siti sviluppano in particolar modo la tecnica di trading attraverso i Contratti per differenza. In questo modo si evita di acquisire direttamente i bitcoin, preservando l’investimento dalle grinfie degli hacker.

Queste piattaforme danno anche la possibilità di aprire un conto demo. Questo permette all’utente non esperto di impratichirsi nell’arte del trading prima di iniziare a investire soldi veri.

Data la vastità del panorama relativo ai broker, bisogna sempre scegliere il più adatto alle proprie esigenze. Tra le caratteristiche cui bisogna fare attenzione vi è quella relativa i costi di commissione. Questi ultimi possono essere anche molto alti, dunque, bisogna scegliere bene a chi rivolgersi.

Possibili truffe

Bisogna sempre fare attenzione, quando si naviga sul web, a dove si va a finire. Un utente inesperto, infatti, potrebbe facilmente cadere vittima di qualche truffa. Per questo è opportuno seguire alcuni consigli. Anzitutto, meglio evitare le proposte di acquisto che arrivano via Telegram, Facebook e altri social media.

Soprattutto, bisogna informarsi bene sull’origine delle piattaforme di trading regolamentate. In rete ne esistono molteplici che promettono di minare bitcoin o programmi di investimento ad alto rendimento che allettano con facili guadagni in breve tempo.

 

Cosa ne pensi?
Lo voglio
0%
Cool
0%
Mah!
0%

Lascia una risposta